Il progetto dell’ITS Turismo e Beni Culturali della Puglia: come le attività di PCTO si trasformano in “Botteghe culturali” del lavoro, dove l’orientamento professionale si unisce alla conoscenza del territorio, puntando dritto all’occupabilità.

Il progetto “Botteghe Culturali”, proposto dall’ITS e realizzato anche grazie alla collaborazione con ANPAL Servizi, intende sviluppare un network virtuoso tra ITS, Scuola Secondaria Superiore e realtà locali (enti locali, imprese turistiche, consorzi, agenzie di viaggio) delle Province Pugliesi al fine di valorizzare il contributo degli studenti coinvolti nel progetto e dei loro “prodotti”.

Nell’ambito delle attività di PCTO, gli studenti vengono guidati in un percorso di conoscenza dell’area in ambito turistico, nello sviluppo di competenze pratiche multimediali, narrative e linguistiche che portano alla creazione di prodotti e servizi, sotto la guida dagli esperti ITS del settore, che rispondono a necessità concrete e si traducono in esperienze pratiche che possano trovare applicazione sul territorio.

Il Progetto, attraverso la Ricerca e Sperimentazione, vuole mettere a Valore i giovani e gli studenti degli IISS e degli ITS con la finalità di sviluppare l’Esperienza ed il Lavoro nell’Industria dell’Ospitalità, dell’Accoglienza e del Turismo Allargato” partendo dal Training On The Job.

Gli studenti dell’I.I.S.S. “Galilei Costa Scarambone” che hanno partecipato alla prima fase del progetto, svolta in DAD a fine maggio 2021, oggi hanno visto l’avvio della fase “pratica”. Presso la sede dell’ITS sono stati, infatti, affiancati da docenti ed esperti del mondo del lavoro che li guideranno nelle prossime ore verso la realizzazione concreta di un progetto/prodotto/servizio realmente fruibile, da mettere anche a disposizione degli operatori del territorio.

In questo modo ITS, scuola, filiera turistica e territorio si incontrano e favoriscono la consapevolezza di attitudini personali nei giovani coinvolti.
Il valore aggiunto consiste nell’utilizzo delle Nuove Tecnologie per condividere regole funzionali alla promozione di un’etica del lavoro che valorizzi le risorse della Comunità e l’immenso Patrimonio di beni materiali ed immateriali, favorendo l’occupabilità e nuove forme di auto imprenditorialità dei nostri ragazzi promuovendo il loro orientamento personale e professionale.