Domenica 12 luglio alle ore 13,00 su Raitre sarà in onda il reportage sulla Fondazione ITS per l’Industria dell’Ospitalità e del Turismo Allargato realizzato da Il posto giusto, il programma realizzato in collaborazione con ANPAL e Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Testimonianze di studenti, docenti, imprenditori ed ex studenti, per dimostrare come la valorizzazione delle eccellenze dei territori e lo sviluppo turistico nelle aree rurali e interne della Puglia passi attraverso forme di mobilità dolce, attiva e sostenibile, per generare nuovi motivi di viaggio, di accoglienza, di ospitalità e di connessione tra i luoghi e le persone.

L’ITS Turismo e Beni Culturali Puglia ha progettato, in collaborazione con i territori di riferimento, un percorso di studi dedicato al management delle destinazioni di turismo lento e sostenibile, svoltosi nel biennio 2017-2019 a Lecce, per fornire modelli conoscitivi e strumenti di management avanzati per progettare, implementare, governare ed animare itinerari culturali, ciclovie e cammini offrendo accoglienza turistica legata alla mobilità lenta, promuovendo lo sviluppo integrato ed equilibrato e forme di fruizione rispettose e consapevoli.
Le competenze acquisite dagli studenti hanno permesso loro di svolgere attività di consulenza a sostegno di processi decisionali di organizzazioni pubbliche e private nei percorsi di infrastrutturazione, di mobilità dolce, di piani per la mobilità sostenibile e di mobility management, di costruzione di servizi e attività di promozione e marketing in imprese, tour operator specializzati, organizzazioni che operano in collaborazione con il sistema turistico pubblico impegnate in progetti di sviluppo locale. 
La location del reportage saranno i Monti Dauni, dove attualmente è attivo un percorso di studi dedicato alla creazione di una destinazione, nella cornice di quanto previsto dalla Strategia di Area Interna dei Monti Dauni, che vede, tra i suoi assi prioritari, la creazione di una Scuola d’eccellenza per la specializzazione di risorse umane che contribuiscano allo sviluppo del territorio, affermandosi nelle nuove professioni legate alla valorizzazione del patrimonio culturale, dell’ospitalità e delle identità ed eccellenze dei territori.