L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio ha avviato il 28 ottobre u.s. il progetto “Destination Make! Taranto”, percorso partecipato di co-progettazione della città-porto di Taranto come destinazione crocieristica di eccellenza, coerente con le scelte strategiche in tale ambito contenute nel Programma Operativo Triennale 2020/2022) finalizzato a preparare Taranto, il suo porto, e l’intero ecosistema alla sfida dei prossimi anni e alla costruzione di un sistema di accoglienza sostenibile del traffico crocieristico.

Nel mese di novembre gli studenti del percorso ITS appena avviato “Management 4.0 del turismo per lo sviluppo di una blue destination” hanno preso parte alla co-progettazione attraverso un workshop al fine di raccogliere fabbisogni concreti e condivisi da mettere alla base della strategia e ancorarla all’obiettivo dell’affermazione di Taranto come destinazione emergente, meta di turismo crocieristico sostenibile e innovativo. Particolare attenzione è rivolta, infatti, al tema dell’innovazione: il percorso prevede un hackathon for destination, in cui le start-up selezionate verranno chiamate a lavorare su quanto emerso in fase di analisi dei fabbisogni, il tutto per creare i presupposti per soluzioni innovative che rispondano alle esigenze dei nuovi viaggiatori stimolando allo stesso tempo la crescita della imprenditorialità sul territorio.

L’Autorità di sistema portuale del Mar Ionio (AdSPMI), partner dell’ITS, ha coltivato, negli ultimi anni, la vocazione crocieristica dello scalo tarantino attraverso una serie di azioni promozionali su scala globale, mirate alla promozione del porto e di Taranto destinazione crocieristica ottenendo una serie di risultati: primo fra tutti l’inserimento di Taranto negli itinerari di Marella Cruises nel 2017 e, in seguito, il progressivo incremento delle prenotazioni (per il 2021 si prevedono circa 30.000 passeggeri in transito), tutti elementi che fanno segnare una svolta positiva, anche nell’ambito della più generale strategia di diversificazione dei traffici.