Scopri il percorso di alta specializzazione ITS

Il percorso è promosso in collaborazione con Costa Crociere SpA, e la partecipazione del Comune di Brindisi, per sviluppare competenze specialistiche ed abilità pratiche per operare a bordo delle navi da crociera all’interno della cucina.

Obiettivi formativi

Il “Tecnico superiore” conosce l’organizzazione della cucina della nave da crociera e conosce le tecniche di base delle preparazioni nelle varie partite di cucina sotto la guida dei responsabili. Conosce e rispetta la normativa di igiene e dei compiti fondamentali relativi alla sicurezza e bordo. Utilizza le attrezzature, strumenti e prodotti tipici della cucina. Ha alta resistenza allo stress. Ha buona conoscenza della lingua inglese, anche professionale. Egli fa parte del team dei responsabili per la pianificazione, l’organizzazione e la conduzione dei servizi ristorativi e garantisce, in assistenza al management, il rispetto degli standard di qualità.

Curriculum e Profilo professionale

Il cuoco di bordo è una figura professionale legata al mondo della nautica sempre più richiesta nel mercato del lavoro; è il cuoco di bordo che nei livelli superiori diventa chef di bordo. Generalmente questa figura lavora sulle navi mercantili, da crociera o sulle navi traghetto pertanto deve conoscere la struttura e l’organizzazione di bordo. Lavora prevalentemente all’interno della cucina della nave di cui conosce l’organizzazione e le tecniche basilari delle preparazioni nelle varie partite di cucina.

Essendo Costa Crociere l’unica compagnia di crociere battente bandiera italiana, è fondamentale che il profilo in oggetto gestisca i processi produttivi nell’ambito di specializzazioni e peculiarità propri del “Made in Italy”, oltre alla cucina internazionale che rappresenta lo standard per il format crocieristico.

Competenze in uscita

Elevate competenze relazionali e di marketing al fine di promuovere presso il pubblico di crocieristi moderni format degustativi anche a catalogo.

La figura è dunque in grado di operare su due diversi versanti: da un lato, presidia l’attività di produzione e dall’altro promuove l’attività turistica. Pertanto, conosce le tendenze del gusto e della cultura della dieta mediterranea e salutista, sulle quali è in grado di progettare eventi, festival e manifestazioni in grado di attrarre le nuove generazioni di food lovers, di offrire esperienze multisensoriali e di aumentare la riconoscibilità dell’azienda (e, in un’ottica territoriale) della destinazione.

Innovativa la sua capacità strategica e gestionale tesa ad individuare e implementare modelli di business innovativi e nuovi format ristorativi finalizzati alla valorizzazione della cultura del gusto, alle tradizioni e alle specificità enogastronomiche del territorio.

 

ISCRIVITI
Richiedi Informazioni
Scarica Programma di Studio

I percorsi ITS sono gratuiti grazie al co-finanziamento della Regione Puglia e del Ministero dell’Istruzione, pertanto sono a numero chiuso e si accede dopo aver superato una selezione iniziale (test scritto + colloquio orale + valutazione dei titoli).

La partenza dei corsi è prevista a fine ottobre 2021, previa approvazione dei progetti da parte della Regione Puglia.

La Segreteria è a disposizione telefonicamente allo 0832-700664 dal lunedì al venerdì dalle 09,00 alle 14,00.

Il corso dura 2000 ore complessive, distribuite su due annualità e così suddivise:

  • 1120 ore dedicate alla didattica laboratoriale d’aula, a case studies in laboratorio e/o in contesti lavorativi, attività seminariali, visite didattiche e di studio, project work;
  • 880 ore di attività di stage in contesti lavorativi.

L’orario giornaliero per le attività in aula, per quelle di laboratorio e per quelle in azienda verrà determinato sulla base del programma operativo e potrà variare dalle 5 alle 8 ore. La frequenza è obbligatoria per almeno l’80% delle attività formative (la media di frequenza degli allievi è del 98%), pena esclusione dall’esame finale che si terrà conformemente alle modalità stabilite dal Ministero dell’Istruzione.

Le docenze sono svolte per almeno il 60% del monte ore complessivo da esperti provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni, di particolare esperienza e competenza, mentre la restante quota del 40% è prevalentemente curata da Professori delle Università della Puglia.

A conclusione del percorso, con il superamento dell’esame finale, si consegue il DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE PER LA GESTIONE DI STRUTTURE TURISTICO-RICETTIVE da parte del Ministero dell’Istruzione, corrispondente al 5° LIVELLO del Quadro Europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (EQF), ai sensi dell’art. 8, comma 1, del D.P.C.M 25 gennaio 2008.

Il punteggio massimo del diploma è 100.
La votazione media in uscita dei nostri Tecnici Superiori è superiore a 92/100, a conferma del fatto che, appunto, le nostre Allieve ed i nostri Allievi saranno (sono) Tecnici “Superiori” ed “Eccellenti” nelle loro Qualità, Specialità e Capacità.

All’esame finale si accede solo a 2 condizioni: se le assenze sono state inferiori al 20% del monte ore corsuale e se sono state superate le prove in uscita negli stage ed in ogni Unità Formativa del percorso biennale.

Ove ricorrerano i requisiti, e in relazione alla specificità dell’indirizzo di studio, gli studenti acquisiranno le competenze finalizzate a sostenere le prove d’esame per le seguenti certificazioni:

  • Certificazioni per utilizzo di software specifici di settore (es. Opera di Oracle)
  • Certificazioni lingue straniere secondo i livelli del QCER (Quadro Comune Europeo di Riferimento per Lingue)
  • Certificazioni relative alla sicurezza
  • Certificazione di Project Management
  • imprese della ristorazione quali ristoranti, enoteche e qualsiasi format operante in ambito ristorativo
  • strutture operanti nella ristorazione, collocate nell’ambito di strutture dell’ospitalità turistica (food and beverage department) e della crocieristica oltre che aziende agrituristiche, masserie ed altre tipologie ricettive legate alle produzioni tipiche
  • realtà produttive complesse quali mense aziendali, imprese di catering, agenzie di banqueting ed eventi
  • aziende dell’offerta enoturistica e strutture che organizzano degustazioni con un taglio improntato alla relazione con i territori e le sue specialità (cantine e altri luoghi di produzione nei quali organizzare anche l’accoglienza e l’intrattenimento di turisti e visitatori)
  • imprese della trasformazione dei prodotti agro-alimentari e della enogastronomia anche per la loro internazionalizzazione, in risposta a nuove esigenze e modelli di consumo in materia di alimentazione
  • organismi, pubblici e privati, operanti per la promo-valorizzazione turistica dell’offerta territoriale, con particolare attenzione alle produzioni tipiche agroalimentari ed enogastronomiche, per far fronte a nuove esigenze e a nuovi modelli di consumo in materia di alimentazione
  • aggregatori dell’offerta/enti ed associazioni anche di natura mista pubblico-privata per la promozione delle produzioni tipiche (Consorzi, Strade del Vino, etc.)
  • società di comunicazione e promozione di turismo enogastronomico (food blogger e influencer, food designer, redattori su riviste specialistiche)

Brindisi, c/o:

  • Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale
  • Circolo Ufficiali e Sottufficiali, Marina Militare